La bandiera svizzera – Cosa la rende così particolare
La bandiera svizzera – Cosa la rende così particolare

Sia il gonfalone che la bandiera svizzera mostrano una croce bianca su uno sfondo rosso. Si tratta di una croce greca diritta, che spesso è chiamata anche croce svizzera. Anche se in Germania e Austria spesso di parla di gonfalone svizzero, questo termine nella stessa Svizzera non è diffuso. Nella Svizzera germanofona si usa al posto di gonfalone svizzero il termine bandiera svizzera.

Un design semplice in una forma unica

Le esatte dimensioni della bandiera svizzera dal 31 dicembre 2016 sono prescritte dalla legge. Prima della disposizione dell’art. 3 par. 1 della nuova legge sulla protezione degli stemmi, la bandiera svizzera poteva essere confezionata e distribuita con qualsiasi dimensione. Dal 1° gennaio 2017 però per la bandiera svizzera è prescritta obbligatoriamente una forma quadrata. Già da molti anni la bandiera svizzera, a differenza dei gonfaloni di molte altre nazioni, era usata con una forma quadrata. L’unica eccezione è costituita dall’uso della bandiera svizzera in mare aperto. Tutte le navi d’alto mare o per navigazione interna usano da sempre una bandiera in rapporto 2:3.

Il design della bandiera svizzera è semplice e facile da ricordare. Assomiglia molto al design della bandiera del Canton Svitto. Anche se le persone credono che la bandiera svizzera derivi dalla bandiera del Canton Svitto, in verità è il contrario. La bandiera svizzera è stata disegnata già molto tempo prima della nascita della bandiera del cantone svizzero. Le due bandiere si assomigliano moltissimo, ma non devono essere confuse tra di loro. La bandiera di questo cantone mostra una bandiera svizzera su sfondo rosso. In questa bandiera la croce svizzera sullo sfondo è raffigurata chiaramente più piccola e la componente rossa è molto più alta.

La storia della bandiera svizzera

La bandiera svizzera risale alla Vecchia Confederazione. Essa usava una prima forma della bandiera svizzera come stendardo, diffondendola così in tutto il territorio svizzero. L’uso documentato più antico della bandiera svizzera risale all’anno 1339. Nella battaglia dell’epoca di Laupen si fissarono delle croci bianche sui vestiti dei guerrieri, per simboleggiare una chiara appartenenza alla Vecchia Confederazione. Queste croci all’inizio erano costituite da vecchie strisce di tela. A quall’epoca in parte erano contrassegnate con questa croce anche le armi.

Sebbene questo simbolo era usato da tutta la Vecchia Confederazione, a quell’epoca gli emblemi ufficiali erano esclusivamente gli stemmi dei cantoni. L’origine della croce svizzera nella bandiera svizzera fin’ora non è accertata in modo sicuro. Numerosi esperti pensano che che ci sia un nesso diretto tra la croce svizzera e la leggenda dei 10.000 cavalieri. Si crede che la croce svizzera sia stata usata come emblema del culto dei 10.000 cavalieri.

Solamente negli anni tra il 1450 e il 1520 la croce svizzera e la bandiera svizzera divennero il segno di riconoscimento nazionale della Vecchia Confederazione. Con ciò avvenne una chiara delimitazione dalla Croce di Sant’Andrea, usata dai lanzichenecchi tedeschi. Terminate le guerre confederate nel 1515, anche le truppe di mercenari svizzeri che combattevano all’estero portavano la croce svizzera come segno di riconoscimento. Ma qui le bandiere usate si differenziavano nei colori e nei motivi usati nei quattro angoli della bandiera. In parte i quattro angoli erano decorati addirittura con onde, motivi a zig-zag o rombi di colori sgargianti. Soprattutto nel 17° secolo negli usi militari della bandiera svizzera si è affermata la rappresentazione di fiamme nei quattro angoli.

Regolamentazioni particolari sull’attuale bandiera svizzera

Sebbene nella storia della Svizzera si siano affermate molte differenti bandiere svizzere e numerosi design di più colori, il colore della bandiera svizzera è stato chiaramente stabilito con la nuova legge sulla protezione degli stemmi (LPSt). Soprattutto negli ultimi anni diverse aziende e associazioni hanno usato differenti tonalità di rosso per la bandiera svizzera. Questa è stata adattata al Corporate design dell’azienda ed è stata usata per numerosi stemmi e logo. In particolare la Swiss ha usato la bandiera svizzera con tonalità del rosso particolarmente scure come logo.

Già nel 2007 però il rosso svizzero è stato chiaramente definito dall’Amministrazione federale della Svizzera. È classificato come rosso Pantone 485 e consiste da 100% magenta e 100% giallo. Corrisponde perciò a Pantone RGB codice #AB2720. La forma della bandiera svizzera in Svizzera è difesa ufficialmente dalla legge federale sulla protezione degli stemmi pubblici. Per questo motivo possono usare esclusivamente luoghi pubblici e autorità una bandiera svizzera con questa tonalità di colore. Inoltre la bandiera svizzera è posta sotto tutela legale anche in molte altre nazioni. In Germania, secondo la § 125  della legge su illeciti amministrativi, non può essere usata. Simili regolamentazioni sono valide anche in Austria, Olanda e molte altre nazioni europee. Esclusivamente la Croce Rossa è autorizzata a usare una variante inversa della bandiera svizzera.